Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Ossalico : in Piemonte la Sanità ne Vieta l’uso come Acaricida


Ossalico : in Piemonte la Sanità ne Vieta l’uso come Acaricida Stampa E-mail
La Direzione Sanità della Regione Piemonte ha revocato il Piano Regionale sugli acidi Organici, vietando di fatto l’impiego dell’acido ossalico finora di libero impiego per il controllo della varroasi. La decisione è stata notificata da Giuliana Moda, Responsabile del Settore di Prevenzione Veterinaria dell’Assessorato alla Sanità piemontese, a tutte le ASL della Regione, al Ministero della Salute, alle Associazioni Apistiche e al Centro Apistico Regionale presso l’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. La stessa Direzione, peraltro, aveva autorizzato il Piano Acidi Organici nel corso degli anni passati; oggi, infine, l’inaspettata decisione della revoca. il Piemonte, infatti, come pure la Valle d’Aosta, la Lombardia e l’Abruzzo, sono regioni nelle quali l’impiego controllato dell’acido ossalico è stato

finora autorizzato ufficialmente dalle Autorità sanitarie. Già in questi giorni, pertanto, gli Apicoltori che hanno ritirato dosi di acido ossalico preparate dalla Farmacia dell’Azienda Ospedaliera dovranno assicurarne la restituzione al fine del successivo smaltimento. Come via alternativa, ufficiale e autorizzata dal Ministero della Salute, le ASL interessate sono state invitate ad aderire alla sperimentazione ufficiale del formulato API-BIOXAL®, a base di acido ossalico. La vicenda, che non ha mancato di gettare l’apicoltura piemontese nel più totale scompiglio, costituisce un precedente di assoluto rilievo. Altri Assessorati alla Sanità potrebbero ora adottare decisioni analoghe, uniformandosi alla revoca delle autorizzazioni all’impiego dell’acido ossalico. Autorizzazioni concesse – ricorda la FAI – Federazione Apicoltori Italiani - ai tempi in cui alla sanità delle api gli allevatori facevano fronte nel quasi totale disinteresse del mondo veterinario. La varroasi, infatti, è presente in Italia ormai da 30 anni, nel corso dei quali la malattia è diventata endemica cioè presente in tutti gli allevamenti apistici del territorio nazionale.



FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >