Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Varroatosi : il MinSalute Recepirą le Istanze degli Apicoltori


Varroatosi : il MinSalute Recepirą le Istanze degli Apicoltori Stampa E-mail
L’emananda ordinanza sulla varroatosi non graverà sugli Apicoltori con inutili adempimenti burocratici. E’ quanto emerso al Tavolo Tecnico per l’Apicoltura svoltosi presso il Ministero della Salute il 17 maggio 2010. L’intento è quello di adottare adempimenti “minimi” per gli allevatori e “sufficienti” per la Sanità Pubblica Veterinaria. La notifica della varroatosi , finalmente considerata endemica e come tale non eradicabile, potrà essere effettuata in sede di prima iscrizione all’ Anagrafe

Apistica e non dovrà essere ripetuta annualmente; saranno elaborati due livelli di Piano Sanitario , nazionale e regionale, riferiti alla tipologia e alle modalità di trattamento degli alveari, che il Ministero della Salute predisporrà sentite le Organizzazioni Apistiche Nazionali, le Regioni e le Province Autonome; il nomadismo, che rientra tra gli elementi di rischio della diffusione, sarà tenuto in debita considerazione quale pratica economica e disciplinato nelle Linee Guida dei Piani Sanitari; la distruzione di alveari non rappresenterà un provvedimento restrittivo, ma un intervento sanitario da adottarsi in caso di alveari e/o apiari abbandonati. Sono questi i passaggi fondamentali attraverso i quali verrà ridefinita la politica della Sanità Pubblica Veterinaria italiana che sarà chiamata ad effettuare un costante monitoraggio sulle misure adottate anche mediante controlli “documentali” sugli avvenuti trattamenti che dovranno essere uniformi e sincronizzati. Tutti gli Apicoltori infine, indipendentemente dall’indirizzo aziendale e dal numero di alveari detenuti e condotti, dovranno aderire ai Piani Sanitari ed essere in grado di documentare acquisto e impiego di prodotti acaricidi regolarmente autorizzati. Ci troviamo dinanzi, secondo la FAI – Federazione Apicoltori Italiani, ad un passaggio di grande rilevanza nelle modalità di confronto tra Ministero e rappresentanze del comparto: volontà nel recepimento delle istanze, rapidità delle istruttorie che presiedono alle decisioni, metodo di lavoro teso a contemperare le diverse posizioni dei vari portatori di interesse, sono tutti elementi che lasciano ben sperare nella bontà dei lavori che si stanno sviluppando attorno al Tavolo Apistico del Ministero della Salute.

Foto: © Apicoltura Isola del Miele


FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >