Home Page arrow Pubblicazioni arrow Riviste specializzate arrow Apimondia Italia : il Nuovo Numero del Mensile di ApiCultura


Apimondia Italia : il Nuovo Numero del Mensile di ApiCultura Stampa E-mail
Chi l’ha detto che i fiori di zafferano non piacciono alle api? Se può essere vero che è del tutto scarso l’interesse nettarifero, visto il periodo di precoce fioritura, proprio per questo le bottinatrici si tuffano sulle antere gialle che sono un indizio irresistibile quando il polline è una rarità e la covata chiede proteine! L’apicoltura era l’unico allevamento zootecnico senza un’anagrafe e ora non più: il Ministero della Salute l’ha istituita di recente perché, tra un’emergenza sanitaria e l’altra, è arrivato

finalmente il momento di uscire fuori dall’anonimato. A proposito di malattie: Potosia opaca, un parassita poco conosciuto, torna a fare capolino negli alveari, ma nessuna paura: la sua presenza è segno di salubrità dell’habitat in cui vivono le api. Ben altri sono i problemi che creano varroa e nosema: l’anno apistico che verrà dovrà tenere conto della recrudescenza di queste malattie i cui effetti si possono limitare grazie alle buone pratiche apistiche. Siete tra i tanti che preparano propoli in soluzione alcolica o vendono polline come integratore alimentare? Sappiate che, in tal caso, i prodotti delle api perdono la classificazione di “prodotto agricolo” e ben diverse sono le norme da rispettare per la loro preparazione, etichettatura e commercializzazione. Si va affermando, in alcune regioni, la figura del tecnico apistico che può dirsi tale quando ha seguito un preciso percorso formativo. Torna Apimedica&Apiquality, il Forum di Apiterapia promosso da APIMONDIA. La prossima edizione si svolgerà in Slovenia, dal 28 settembre al 2 ottobre 2010; un appuntamento da non mancare. Non finirà mai di stupirci: l’apicoltura è capace di produrre anche solidarietà e il convegno ApiAbruzzo lo ha dimostrato chiaramente: l’allevamento delle api non ha un solo fine produttivo, ma è anche momento di incontro con la società. Di certo non è più un allevamento minore! FucoFico si chiede come faranno le api clandestine ora che entrerà in vigore l’anagrafe. L’editoriale di Raffaele Cirone, infine, rende conto delle ultime novità emerse al Tavolo Tecnico per l’Apicoltura del Ministero della Salute: l’acido ossalico diventerà presto un farmaco veterinario e gli Apicoltori potranno impiegarlo nel pieno rispetto delle vigenti norme comunitarie e nazionali. E’ con questi ingredienti che va in distribuzione in questi giorni l’ultimo numero di Apimondia Italia, il Mensile di ApiCultura della FAI – Federazione Apicoltori Italiani. Se non siete ancora abbonati non perdete tempo: basta un messaggio di posta elettronica per attivare l’invio, a titolo completamente gratuito, dei primi tre numeri di prova.

e-mail :





FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail:  – Portale internet: www.federapi.biz

< Precedente   Prossimo >