Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Ossalico : l’Opinione di un Veterinario Libero Professionista


Ossalico : l’Opinione di un Veterinario Libero Professionista Stampa E-mail
“Le leggi le fanno gli uomini e non cadono dal cielo. Cambiarle, alla luce di evidenze oggettive, normative e pubblicazioni scientifiche, può essere solo un ammirevole segno di progresso”. Lo afferma la dottoressa Serena Rocchi, Medico Veterinario libero professionista: impegnata in campo apistico da alcuni anni ha ritenuto opportuno dare così un suo contributo al dibattito, ormai serrato, sull’impiego dell’acido ossalico in apicoltura. E ha scelto di farlo inviando una lettera al Ministero

della Salute, in vista del tavolo tecnico del 19 aprile, e per conoscenza alla FAI – Federazione Apicoltori Italiani. Pubblichiamo volentieri questo contributo e diverse sono le ragioni che ci muovono a tale decisione: l’autonomia professionale e di pensiero, la competenza e conoscenza sulle problematiche tecnico-sanitarie del mondo apistico, l’aver scelto di esporsi in prima persona per rappresentare, fuori da ogni intento polemico, la realtà che il mondo apistico e i medici veterinari affrontano costruttivamente da anni nel solo intento di salvare le api. “Da anni l’acido ossalico – dichiara Serena Rocchi nella sua lettera al Ministero – che è diventato uno strumento indispensabile per l’apicoltura, viene inserito nei Piani Ufficiali di lotta alla varroa di Regioni, Province e USL”. E aggiunge ancora: “Voglio avere fiducia e confidare che nel prossimo tavolo tecnico del 19 aprile di fronte all’evidente grave stato di salute degli alveari italiani, tenuto conto delle specifiche necessità dell’apicoltura biologica che altrimenti si vede costretta a soccombere, ma soprattutto tenuto conto del Reg. CE n. 2377/90 che lo annovera come prodotto ammesso, e alla luce delle specifiche tecniche di somministrazione delle pubblicazioni del CRA – Api e del Centro di Referenza Nazionale per l’Apicoltura, riuscirete a trovare una soluzione immediata e urgente per concedere almeno in deroga l’uso dell’acido ossalico, in attesa di una sua registrazione in un farmaco veterinario”.



FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail:  – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >