Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Ritorna il Ministero della Salute , lo guiderą Ferruccio Fazio


Ritorna il Ministero della Salute , lo guiderą Ferruccio Fazio Stampa E-mail
Tematica troppo importante e articolata, quella della salute, proprio per questo meritevole di un suo ministero. E’ così che le competenze del settore della sanità umana e animale vengono enucleate da quelle del precedente Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e riportate ad una struttura specifica e autonoma. Lo ha stabilito in questi giorni un decreto del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, innanzi al quale 

il già Viceministro Ferruccio Fazio ha giurato come ministro della Salute . Al senatore Maurizio Sacconi , Ministro in carica fino al momento della nomina di Fazio , restano le competenze e la denominazione di ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il neoministro della Salute Ferruccio Fazio , medico nucleare appassionato di fotografia e immersioni, è nato a Garessio (CN) il 7 agosto del 1944. Sposato con Margherita Colnaghi, ha due figli: Alessandro e Arianna.
Quando è stato chiamato in politica, nel maggio dell'anno scorso, Fazio era primario di Medicina nucleare e radioterapia all'Istituto scientifico universitario San Raffaele , ordinario di diagnostica per immagini e radioterapia all'ateneo degli Studi di Milano-Bicocca e direttore dell'Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolari del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). La FAI - Federazione Apicoltori Italiani , nel congratularsi con il ministro Fazio per l’incarico assunto, ha portato in questi giorni alla sua attenzione la richiesta per una liberalizzazione all’uso degli acidi organici in apicoltura. Tale pratica, infatti, pur riconosciuta da norme comunitarie e ampiamente diffusa presso la comunità apistica internazionale, in Italia è ancora oggetto di azioni sanzionatorie da parte di alcune autorità sanitarie. Il problema, secondo la FAI , è legato alla difformità di interpretazione delle norme vigenti che vedono l’impiego di acidi organici (formico e ossalico), innocui per la salute umana ma efficaci nella lotta alla varroasi, autorizzato in alcune regioni e vietato in altre. Una situazione che, per i soliti vizi di natura burocratica non aiuta l’operato di quanti, con l’uso degli acidi organici, danno comunque prova della loro serietà: l’alternativa, infatti, è quella di impiegare molecole chimiche davvero pericolose per la salute umana e per la qualità del miele. In un quadro così confuso è elevato il rischio che tali principi attivi si facciano strada presso gli operatori meno scrupolosi, visto il grave stato sanitario in cui versa gran parte del patrimonio apistico.

© Foto Ansa

FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >