Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Morža delle Api : presto un Prodotto italiano per Contrastarla


Morža delle Api : presto un Prodotto italiano per Contrastarla Stampa E-mail
La notizia ha del clamoroso: entro il prossimo maggio 2010 sarà sviluppato e commercializzato, per la sua immissione sul mercato italiano, un formulato microbiologico attivo nella protezione delle api colpite da spopolamento e morìa . Ad affermarlo un gruppo di ricercatori dell’ Università degli Studi di Milano che ha costituito, in seno all’Ateneo, la Micro4U una società “spin off” (sono così chiamate particolari tipologie di aziende, che assumono la  valenza di strumento per il

trasferimento tecnologico e commerciale di conoscenze sviluppate nelle strutture di ricerca degli Atenei) con l’ambizioso obiettivo di individuare un microrganismo capace di limitare gli effetti di pericolose patologie animali e vegetali. Le api sembrano aver fatto da trampolino di lancio per il primo prodotto sviluppato dalla neocostituenda società: un probiotico caratterizzato da un meccanismo in grado di proteggerle da patologie di origine batterica. Stando alle affermazioni di Annalisa Balloi , dottoranda presso la Facoltà di Agraria dell’  Università di Milano , questi studi sarebbero stati avviati negli ultimi cinque anni, componendo una miscela di microrganismi capaci di proteggere le api da infezioni e di aiutarle con la stimolazione dei processi immunitari.  Sempre secondo la ricercatrice, infatti, anche se le api muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico, dei cambiamenti climatici e delle infezioni batteriche (curiosamente trascurata la variabile “agrofarmaci”), la vera causa della morìa sarebbe dovuta ad un abbassamento delle difese immunitarie. Il prodotto sviluppato dal team della Micro4U dovrebbe essere in grado di soddisfare un bisogno non ancora risolto dai prodotti attualmente in commercio: ridurre le perdite di api e migliorare la resa economica dell’alveare. L’idea imprenditoriale, al momento, pare sia oggetto di valutazioni da parte di banche e investitori che operano nei circuiti internazionali. Peccato, ci permettiamo di rilevare, che una tale notizia, che certo va accolta con entusiasmo, non sia stata oggetto di un rapporto all’ultimo congresso mondiale di apicoltura. Questo non toglie nulla, comunque, al rilevante apporto scientifico che il gruppo di ricerca dell’Ateneo di Milano , intende recare alla soluzione – si spera – del complesso fenomeno della morìa delle api. Non resta che attendere la prossima primavera perché, secondo la FAI – Federazione Apicoltori Italiani , questa notizia merita di essere verificata da tutta la comunità scientifica, dalle Autorità sanitarie come dagli stessi allevatori di api che vedrebbero finalmente disponibile un prodotto – peraltro Made in Italy – capace di restituire salute ai nostri alveari.


FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >