Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Ape Ligustica : in Italia, a Massa, la prima Zona di Rispetto


Ape Ligustica : in Italia, a Massa, la prima Zona di Rispetto Stampa E-mail
Segnali di concreto impegno per la tutela e la salvaguardia della Ligustica . Vengono da Massa dove, con una ordinanza del Sindaco, Roberto Pucci, l’Amministrazione comunale ha disposto una zona di rispetto a protezione dell’ecotipo “Alpi Apuane” dell’ Apis mellifera Ligustica Spinola . Il provvedimento, fortemente sostenuto dai locali allevatori di api regine, è stato concepito nel corso dei due convegni nazionali che la FAI – Federazione Apicoltori Italiani ha organizzato negli anni passati e

che a febbraio 2010 sarà nuovamente celebrato in quella che secondo i naturalisti e gli studiosi della biogeografia apistica può essere considerata la patria della Ligustica italiana. L’ordinanza del Comune di Massa , a difesa dell’ape nostrana ancora conservata in purezza, poggia i suoi riferimenti giuridici sulla legge nazionale n. 313/2004 per la Disciplina dell’ Apicoltura e sulla legge n. 21, del 27 aprile 2009, della Regione Toscana. Essa fissa i confini della zona di rispetto e ordina che al suo interno non possano essere importate e allevate api di razza diversa dall’ Apis mellifera Ligustica Spinola ecotipo Alpi Apuane . Ogni eventuale trasgressione sarà punita con una sanzione amministrativa (da 80,00 a 500,00 euro) e alle funzioni di controllo e vigilanza vengono chiamati la Polizia Municipale e il Servizio Veterinario della ASL competente. E’ la prima volta che un’Amministrazione italiana adotta un tale provvedimento – ricorda ancora la FAI – Federazione Apicoltori Italiani – che ha ospitato nel corso del recente convegno internazionale, svoltosi a Lazise sul Garda, l’annuncio ufficiale dato dall’Assessore all’Agricoltura e Attività Produttive, dr. Luigi Della Pina.




FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >