Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Diabrotica del Mais: le Api non hanno Alcuna Responsabilitą


Diabrotica del Mais: le Api non hanno Alcuna Responsabilitą Stampa E-mail
“Stiamo seguendo con la massima attenzione la diffusione dell’infestazione da diabrotica che sta interessando le coltivazioni di mais in diverse parti d’Italia e al più presto attiveremo una task force, coordinata dal Mipaaf, che sarà costituita dai rappresentanti dei Servizi Fitosanitari delle Regioni maggiormente coinvolte: Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia”. Lo annuncia il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia , spiegando

che la task force avrà l’obiettivo di monitorare, a scadenze ravvicinate, l’evolversi della situazione, valutando congiuntamente i dati raccolti sul territorio nell’ambito delle competenze istituzionali. L’attività della task force attivata dal Mipaaf consentirà inoltre di mettere a punto informazioni e aggiornamenti da divulgare alle amministrazioni regionali e agli operatori, al fine di rendere più coerenti ed efficaci le azioni attuate dagli agricoltori. “E' anche allo studio - aggiunge il Ministro – l’ampliamento della ricerca che abbiamo affidato al CRA per approfondire le cause che hanno provocato lo spopolamento degli alveari registrato nel 2008 e per far luce sul nesso fra la morìa delle api e l’uso di neonicotinoidi nella concia del mais. E’ un progetto nel quale abbiamo investito 2,7 milioni di euro e che ora può essere ulteriormente approfondito”. In particolare, si sta ipotizzando l’ampliamento della ricerca attraverso un approccio interregionale che coinvolga tutte le regioni interessate dall’infestazione da diabrotica e l’approfondimento – in relazione agli effetti sulla morìa delle api – dell’efficacia della concia delle sementi nella lotta ad insetti come diabrotica e piralide. Attualmente non esistono evidenze scientifiche che consentano di accertare il nesso fra la mancata concia delle sementi con neonicotonoidi e l’attacco da diabrotica. La diffusione del parassita potrebbe invece essere stata favorita dal decorso climatico particolarmente piovoso ed umido che ha caratterizzato la primavera. Ciò che è certo è che la tecnica di lotta più efficace contro le infestazioni da diabrotica del mais risulta essere la pratica della rotazione delle colture, uno dei sistemi più antichi ed efficaci per mantenere e migliorare la fertilità del suolo e per interrompere il ciclo vitale degli organismi nocivi. Per questo, nella fase di attuazione dei provvedimenti nazionali sulla condizionalità e sulla programmazione dello sviluppo rurale, il Mipaaf ha fornito specifiche indicazioni programmatorie, in modo da favorire la rotazione e impedire la monosuccessione del mais nei contesti sensibili.


FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >