Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Sciami : il Recupero nella Proprietā Altrui č un Diritto


Sciami : il Recupero nella Proprietā Altrui č un Diritto Stampa E-mail
Primavera apistica, quella del 2009, come non si ricordava da almeno dieci anni. L’abbondanza di precipitazioni, al momento opportuno, ha favorito quasi ovunque in Italia una vera e propria esplosione di fioriture; il repentino incremento di scorte di nettare e covata ha stimolato vistosamente il fenomeno della sciamatura. E quando parte uno sciame d’ api l’ Apicoltore, si sa, fa l’impossibile per recuperarlo. Quando le api sciamano e si indirizzano nella  

proprietà altrui possono nascere controversie legate ai conseguenti sconfinamenti o ai tempi di recupero da parte dell'apicoltore/proprietario. Al riguardo desideriamo precisare che la materia, su preciso indirizzo fornito dalla FAI, è disciplinata dal Codice Civile e precisamente dall’articolo 924 “ Sciami di api ”. Esso stabilisce che “il proprietario di sciami di api ha diritto di inseguirli sul fondo altrui, ma deve indennità per il danno cagionato al fondo; se non li ha inseguiti entro due giorni o ha cessato di inseguirli, può prenderli e ritenerli il proprietario del fondo”. Per affinità tematica, inoltre, pare opportuno rimandare anche all’articolo 843 “Accesso al fondo” nel quale si precisa altresì che “il proprietario del fondo deve parimenti permettere l’accesso a chi vuole riprendere la cosa sua che vi si trovi accidentalmente o l’animale che vi sia riparato sfuggendo alla custodia. Il proprietario può impedire l’accesso consegnando la cosa o l’animale”. Come FAI – Federazione Apicoltori Italiani ricordiamo quindi a tutti gli Apicoltori che l’inseguimento e il recupero degli sciami, anche sull’altrui proprietà, è un vero e proprio diritto che va fatto valere senza arroganza ma con determinazione. A titolo di pura curiosità ricordiamo infine che questa norma, contemplata nel nostro Codice Civile, deriva dal Diritto romano, quell’insieme di norme che hanno costituito l’ordinamento giuridico di Roma fin dai tempi della sua fondazione (753 a.C.). Anche allora, come oggi, la proprietà delle api era una questione di importanza capitale. Retaggi di quasi tutte le culture arcaiche che sopravvivono fino ai giorni nostri a testimoniare quanto sia lungo e ininterrotto il filo che lega la moderna arte dell’allevare api alla millenaria tradizione che ha visto l’uomo avvicinarsi a questo insetto da reddito fin dalla notte dei tempi.

foto: © FAI Fototeca/Fabrizio Badoni


FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >