Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow G8 Agricolo con finale al gusto di miele “made in Italy”


G8 Agricolo con finale al gusto di miele “made in Italy” Stampa E-mail
A Cison di Valmarino, in provincia di Treviso, si sono spenti i riflettori del G8 Agricolo , il primo della storia dell’agricoltura mondiale e di quella italiana che ne ha promosso l’istituzione. Il Ministro Luca Zaia , nel concludere i lavori del summit internazionale, dopo aver anticipato che i suoi colleghi avevano già avuto in omaggio una confezione di miele italiano di sua produzione, ha voluto ringraziare le 500 testate giornalistiche provenienti da tutto il mondo. “E stata una maratona di tre giorni – ha detto il ministro ai giornalisti presenti in sala stampa - che ha prodotto un risultato eccezionale e che segna una storica pagina nel modo di affrontare, a livello globale, i problemi del mondo agricolo”. “Nel ringraziarvi – ha proseguito il Ministro Zaia - vi ho portato un omaggio: ecco il famoso miele delle mie api! Ve ne regalo un vasetto, pregandovi di dare la precedenza alle signore, visto che ho pochi alveari e forse la produzione potrebbe non essere sufficiente per tutti i presenti.  Questo è miele di acacia del Montello , il comprensorio della Marca Trevigiana che ha ospitato i lavori del summit – ha ancora sottolineato il ministro apicoltore – e potete mangiarlo tranquillamente perché posso assicurarvi che è davvero di qualità”. Giornalisti, fotoreporter, cineoperatori, si sono subito accalcati al tavolo di presidenza,  per

documentare l’inatteso finale a sorpresa voluto da Zaia cui è stato tributato un corale applauso di ringraziamento. Ed in un attimo sono “andati a ruba” i vasetti da mezzo chilo, tutti rigorosamente sigillati e contrassegnati con il sigillo di garanzia FAI Miele Italiano e firmati personalmente, uno per uno, dal Ministro Luca Zaia . Una pagina indimenticabile, ha sottolineato Raffaele Cirone , presidente della FAI – Federazione Apicoltori Italiani, che certo rimarrà alla storia non solo del mondo agricolo ma soprattutto di quello apistico che, grazie all’occasione del G8 Agricolo , ha avuto modo di far sentire anche tra i Grandi del mondo la propria voce e di far assaporare le proprie eccellenze che da oggi volano verso le più lontane destinazioni del Pianeta.


© Foto Marina Lecis

FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >