Home Page arrow Domande Frequenti arrow Domande Frequenti arrow Vorrei confezionare e vendere il mio miele : Cosa devo fare ?


Vorrei confezionare e vendere il mio miele : Cosa devo fare ? Stampa E-mail
Sono un giovane di 35 anni della provincia di Siracusa, mi sono messo nel mondo dell'apicultura da un anno, ho 20 arnie, vorrei confezionare e vendere il mio miele:
- Cosa devo fare?
- Posso farlo?
- Sono un dipendente statale.
- Mi potete aiutare a realizzare il mio sogno ?
Risposta
Caro Amico
il fatto che sei dipendente statale non è rilevante ai fini dell'attività di apicoltura; l'apicoltura è attività agricola e come tale è compatibile con lo status di dipendente statale.
E' obbligatoria per qualsiasi apicoltore la dichiarazione annuale del possesso degli alveari, al comune di residenza, alla AUSL competente per territorio, alla Regione per tramite dell'ispettorato agrario provinciale, consegnare a mano o a mezzo lettera raccomandata, richiedere espressamente la ricevuta della dichiarazione, per la Sicilia si fa riferimento alla Legge Regionale n. 65/95.
 
Dettagli amministrativi
Occorre una partita iva in agricoltura, il settore apicoltura ha un codice specifico. Non occorre necessariamente un terreno di proprietà, l'apicoltura si può condurre anche senza terreno.
Scegliere il regime fiscale forfettario cioè esente da ogni formalità fino ad un fatturato di 7500 euro/anno, tenere un registro dei corrispettivi dove segnare le vendite al minuto; per le vendite ai rivenditori, loro stessi faranno un'auto fattura.

Dettagli sanitari
L'autorità competente è il servizio veterinario della AUSL.
Occorre un locale per la smielatura ed il confezionamento, l'ampiezza del locale non è regolamentata, per le piccole attività come la tua è sufficiente una superficie di 25 metri quadri.

Norme per il locale:
- agibilità
- impianto elettrico certificato a norma CEE
- allacciamento all'acqua potabile (acquedotto)
- allacciamento fognario alla fogna pubblica, gli scarichi del laboratorio sono assimilabili agli scarichi urbani
- pareti lavabili; piastrellate oppure dipinte con vernici lavabili fino ad un'altezza di metri 2,40
- scaldino per l'acqua
- lavello per la pulizia degli attrezzi
- buttatoio o caditoia per le acque di lavaggio del pavimento
- servizio igienico (wc), può anche essere quello dell'abitazione se attigua al locale di lavorazione
- attenersi alle regole dell'HACCP, il manuale lo puoi acquistare presso la FAI-federazione apicoltori italiani

Dettagli commerciali
- se si vuole,ma non è obbligatorio, si può creare un angolo, anche minimo, per la vendita al minuto che può essere ricavato o nello stesso locale del laboratorio oppure presso l'abitazione dell'apicoltore; per questo non occorre autorizzazione basta una semplice comunicazione al comune.
- munirsi di etichetta e di sigillo di garanzia, vedi le istruzioni sul portale della FAI
- registrare le vendite sul registro dei corrispettivi,
- richiedere al rivenditore autofattura

Penso di non aver dimenticato qualcosa, eventualmente chiedi.

Auguri !

Vincenzo Stampa, FAI webmaster
< Precedente   Prossimo >