Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Sante Vacche : la loro pipė cura le malattie delle api


Sante Vacche : la loro pipė cura le malattie delle api Stampa E-mail
Non poteva essere che in India : sante le mucche e, con tutto il rispetto, anche la loro pipì. Se non ci credete potete andare nell’Uttarakhand, Stato dell’India Settentrionale, dove da tempo usano urina di mucca per salvare le api colpite da malattie infettive. Lo studio, reso noto all’inizio del mese di luglio 2008, è stato messo a punto presso l’Università degli Studi “ Govind Ballabh Pantalon ”, esplorando la bontà di questo metodo anche nell’allevamento apistico estensivo. Ruchira Tiwari , ricercatrice nell’ateneo indiano e curatrice di questa insolita sperimentazione, sembra non avere dubbi: " Abbiamo usato per tre anni urina di mucca spruzzata sui favi e si è visto che nel giro di 7-8 giorni, le api infette

tornano  sane ”. Risulta infatti che le api operaie, una volta sottoposte a questo trattamento, inizino a recuperare il loro istinto “igienico” e siano in grado di allontanare velocemente le larve infettate dell’alveare. La ricercatrice indiana, inoltre, afferma che anche “la regina trova giovamento dal trattamento spray di urina di mucca e le uova che depone rimangono sane". Anche in India, finora, la lotta alla diffusione delle malattie infettive delle api, le pesti in modo particolare, veniva effettuata con antibiotici che nel tempo hanno determinato una pessima influenza sulle condizioni sanitarie delle api . L’ urina di mucca , invece, supera alla grande l’effetto della terramicina senza procurare le note e spiacevoli conseguenze verso le api, la covata, il miele e la cera. L’uso di urina di mucca , infine, stando ai pareri degli apicoltori che operano negli apiari sperimentali dell’Università indiana, aumentano vistosamente la produzione di covata. La FAI – Federazione Apicoltori Italiani , nel pubblicare la notizia, ricorda come in molti Paesi in via di sviluppo, in particolare in Africa, l’ urina di mucca rappresenti un metodo diffusissimo presso le piccole comunità rurali che vi fanno ricorso come pesticida naturale contro numerose patologie vegetali. La sperimentazione indiana, dunque, conferma scientificamente quanto già osservato nella tradizione popolare e nell’esperienza pratica.

© Photo Edward White – Fotolia.com


FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: +39.06.6877175 - Telefax:  +39.06.6852287
Sito internet: www.federapi.biz
 
< Precedente   Prossimo >