Home Page
 
La Federazione
FAI Territoriali
Contatti
Attivitą
Legislazione
Pubblicazioni
Comunicati
Tecniche
Filmati e vignette
Utenti registrati
Ricerca Avanzata
Link
Domande frequenti
Sondaggi
Polline-cardo-W.jpg


Home Page


Miele : quotazioni internazionali di import ed export Stampa E-mail

MIELE: CROLLANO LE IMPORTAZIONI NEL 2007
-----------------------------------------------------
PREZZI IN RIALZO SUL MERCATO INTERNAZIONALE

Crollano le importazioni di miele in Italia e aumentano i prezzi internazionali. Il miele italiano si afferma costantemente e conquista i mercati esteri a prezzi remunerativi e tali da spingere la nostra bilancia commerciale verso un prevedibile prossimo pareggio. Metà del miele acquistato è di origine europea e a farla da padrone è la Germania. La Cina esce completamente di scena con il suo miele. L’Argentina è in continuo affanno e perde costantemente le sue quote di mercato in Italia. Messico e Croazia sono gli unici Paesi extra europei che aumentano gli scambi alle nostre dogane. E’ questa la fotografia rilevata dalla FAI – Federazione Apicoltori Italiani, che ha rielaborato in questi giorni i dati forniti dall’ ISTAT – Istituto Nazionale di Statistica, sul mercato del miele nel 2007.

Il quantitativo di miele importato dall’Italia nell’anno 2007 è dunque sceso di colpo a 10.686.507 kg a fronte dei 13.854.909 kg del 2006 (- 23 %)  e dei 14.156.189 kg del 2005; nel 2007 il nostro Paese ha speso globalmente 18.029.835 euro (contro i 22.565.503 euro del 2006 (- 20,1%) e ne ha incassati 11.398.459 (contro i 9.476.452 euro del 2006). In rialzo (+ 20,3 %) quindi, il prezzo medio di acquisto del miele che l’Italia importa, giunto ormai a 1,69 euro/kg. E’ costante la rimonta rispetto agli anni precedenti:  1,63 euro/kg nel 2006, 1,48 euro/kg nel 2005.

Il fenomeno più macroscopico, in linea con quanto già registrato nell’anno precedente, è la inesorabile perdita di quote di mercato dei Paesi del Sud America, nostri tradizionali partner commerciali: l’Argentina (principale fornitore dell’Italia) passa da 7.632.903 kg del 2006 a 5.936.754 kg del 2007. Il Brasile è uscito completamente di scena, neanche un chilo di miele carioca ha raggiunto l’Italia nel 2007.

L’export di miele italiano è in chiaro recupero e tocca nel 2007 i 3.884.024 kg. Un segnale di speranza per i produttori italiani più intraprendenti il cui miele ha un costo medio di ben 2,93, quasi doppio di quanto viene loro pagato il prodotto dai clienti italiani. Il 90% dell’export italiano ha sempre destinazione europea ma è in continuo incremento l’export di miele italiano esportato verso la Svizzera e il Giappone che sono gli sbocchi più importanti sul mercato extra europeo. Di rilievo le quotazioni del miele italiano sul mercato del Sol Levante dove i buyer non hanno esitato a pagare 5,00 euro/kg. Sembra essere questa la nuova via del miele di elevata qualità.

Un’ultima notazione della FAI che sottolinea l’allarmante fenomeno dell’importazione, da parte dell’Italia, di 424.532 kg di “succedanei del miele, anche misti a miele naturale”, una tipologia di prodotto che, insieme agli sciroppi di glucosio, si presta ad impieghi ambigui, adulterazioni e usi impropri della dizione “miele” quale ingrediente di particolari preparati alimentari e farmaceutici. Austria, Regno Unito e Germania i principali fornitori di questo prodotto immesso sul mercato italiano.

Fonte: Elaborazione FAI su dati ISTAT

FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: 06.6877175 - Telefax:  06.6852287
Posta elettronica:
< Precedente   Prossimo >