Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Allargamento UE: pił alveari ma i soldi restano gli stessi


Allargamento UE: pił alveari ma i soldi restano gli stessi Stampa E-mail
L'ingresso di Romania e Bulgaria nell'Unione Europea ha determinato un incremento del 15% del numero di alveari dei 27 Stati aderenti che ora rischiano, però, di veder ridotta la propria quota parte riservata al finanziamento del Regolamento CE n. 797/2004.Come è noto, infatti, attraverso questo provvedimento, l'Unione Europea eroga aiuti al settore apistico in proporzione al
patrimonio di alveari di ciascun Paese UE.
La Commissione non ha giudicato finora opportuno aumentare in proporzione il bilancio di questo Regolamento e gli Apicoltori dei 25 Stati membri (questo il numero dei Paesi europei fino al 1° gennaio 2007, data di ingresso dei due nuovi Stati) rischiano di subire una diminuzione pari al 9% delle risorse destinate al settore.
Il COPA - Comitato delle Organizzazione Professionali Agricole, di cui fa parte anche la FAI, è intervenuto presso la Commissione affinché il budget comunitario venga almeno mantenuto pari a quello degli anni precedenti. A fronte della proposta della Commissione, che intenderebbe fissare il budget a 24 milioni di Euro, si renderebbero necessari almeno 27 milioni di Euro. La decisione sarà presa il prossimo 19 giugno, data della riunione del Comitato che riunisce tutte le delegazioni dei Ministeri Agricoli dei 27 Stati membri. La FAI - Federazione Apicoltori Italiani, ha scritto una lettera al Ministro Paolo De Castro, affinché la delegazione italiana faccia tutto il possibile perché gli aiuti economici della UE all'apicoltura italiana non subiscano una riduzione.




FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: 06.6877175 - Telefax:  06.6852287
Posta elettronica:

< Precedente   Prossimo >