Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Quando la TV NON Aiuta a Conoscere le Api


Quando la TV NON Aiuta a Conoscere le Api Stampa E-mail
Il ruolo dei media è prezioso e insostituibile ed è ben presente anche agli Apicoltori. Ma quando la televisione usa la sua straordinaria forza per sottoporci notizie che destano ingiustificato allarme e che finiscono per annichilire l’opinione pubblica - oltre che gli addetti ai lavori di un intero comparto quale l’Apicoltura - è segno che abbiamo rinunciato al sempre
più raro diritto-dovere ad una corretta informazione.

E’ questo il commento della FAI – Federazione Apicoltori Italiani alla notizia diffusa nella edizione del TG2 della RAI TV, andata in onda il 23 aprile 2007, alle ore 13,00. Si è parlato, ancora una volta, di cambiamenti climatici e siccità, andamenti dai quali dipenderebbero prossime e catastrofiche invasioni di cavallette, processionarie, vespe e calabroni; insetti, questi ultimi, avidi di acqua da destinare alla costruzione dei loro nidi (notizia del tutto infondata). Se poi a questo modo disinvolto di fare informazione destando allarme, si aggiunge che le immagini a corredo del servizio televisivo mostravano api, mentre di parlava di vespe e calabroni, gli Apicoltori hanno il sacrosanto diritto di manifestare tutta la loro disapprovazione.
La televisione, in questo caso, ha rinunciato a fornire un servizio utile al cittadino che di certo apprezzerebbe qualche consiglio in più sul come comportarsi dinanzi ad eventuale presenze di insetti, su cosa basarsi per differenziare gli insetti in “utili” e/o “dannosi”, su come riconoscerli a seconda delle diverse varianti morfologiche e cromatiche, oltre che etologiche.
Dettagli trascurabili, per i non addetti ai lavori, ma che invece tornerebbe molto utile far percepire a tutti i telespettatori. Corriamo il rischio, in caso contrario, che adulti e bambini perdano di vista il contatto con la Natura: un elemento dal quale, con tale livello di disinformazione,  rischiamo di allontanarci inesorabilmente giungendo a trasformare l’ape, che per ben 2 milioni di anni è stata amica dell’uomo, in un nemico da distruggere con gli insetticidi, in questo terzo millennio della babele di notizie usa e getta.


FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: 06.6877175 - Telefax:  06.6852287
Posta elettronica:

< Precedente   Prossimo >