Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Per la 313/04 la FAI chiederą un parere a tutti i suoi Soci


Per la 313/04 la FAI chiederą un parere a tutti i suoi Soci Stampa E-mail

Sui programmi di attuazione della legge 313/2004 per la Disciplina dell’Apicoltura, saranno ascoltate tutte le Associazioni Apistiche e gli Apicoltori. E’ quanto ha stabilito l’Assemblea nazionale dei delegati della FAI – Federazione Apicoltori Italiani svoltasi a Roma il 31 marzo 2007.

Il presidente Raffaele Cirone ha così presentato, nel corso dei lavori, le linee guida per la predisposizione dei programmi di attività, secondo quanto previsto dal Documento Programmatico della legge 313/2004 per l’Apicoltura, approvato di recente dal MIPAAF – Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.
Nei prossimi giorni gli apicoltori soci della Federazione – l’organizzazione storica dell’apicoltura italiana, fondata nel 1953 – saranno invitati a compilare un apposito questionario e a segnalare, agli organismi provinciali, regionali e nazionale, le priorità di intervento nel comparto apistico italiano.
Una consultazione “popolare” che si rende necessaria per dare corpo, forma e voce unica alle migliaia di Apicoltori Italiani che si riconoscono nella FAI: dalle zone bilingue - valdostana, tirolese, slovena, che pure trovano espressione a livello nazionale - alle regioni che dalle Alpi agli Appennini, Sicilia, Sardegna e isole minori incluse, compongono uno dei più importanti presidi dell’ape mellifera, l’insetto dalla cui sopravvivenza dipendono le sorti del mondo.
Se il mercato del miele da tempo in difficoltà, induce molti ad abbandonarne la produzione, altri sono pronti a rilanciare allevando l’ape, Mellifera, Ligustica, Carnica, Sicula: le nostre diverse identità apistiche – questo il messaggio che i Delegati FAI lanciano agli apicoltori – non debbono impedirci di immaginare un futuro dove il nostro ruolo sarà quello di difensori del territorio e l’ape allevata per far produrre meglio l’agricoltura, per salvaguardare e valorizzare i nostri ambienti naturali. Serve soprattutto a questo l’ape, tanto più ora che il clima ci sta chiedendo di invertire tendenza.

FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: 06.6877175 - Telefax:  06.6852287
Posta elettronica:

< Precedente   Prossimo >