Home Page arrow La Federazione arrow Editoriale arrow Volta Pagina: febbraio 2007 - Api e Clima -


Volta Pagina: febbraio 2007 - Api e Clima - Stampa E-mail
C'è qualcosa di più importante e di più grave delle malattie delle api, della qualità talvolta compromessa dei prodotti apistici, delle dinamiche impazzite di un mercato globalizzato. Parliamo dei
mutamenti del clima che anche per noi Apicoltori non rappresentano certo una novità.
Le prime conseguenze del diverso clima sono già realtà quotidiana: l'inverno è sparito,le fioriture seguono andamenti imprevisti, le api sono confuse, come gli apicoltori, le forme patologiche si fanno più insidiose e subdole, non si escludono conseguenze sulla biologia degli alveari.
Che ne sarà dunque del nostro futuro di allevatori di api, in quali scenari ci troveremo presto ad operare, cosa possiamo fare noi apicoltori che abbiamo sulle spalle il delicato compito di salvaguardare un insetto utile alla stessa sopravvivenza dell'uomo e del Pianeta che ci ospita?
E’ a queste domande che risponderemo con un Convegno dedicato al Clima e alle Api dando priorità, per un giorno, al nostro futuro piuttosto che al nostro presente.

APIMELL, Piacenza 4 marzo 2007

Per capire in che direzione stiamo andando e che cosa possiamo fare per evitare danni permanenti e irreversibili: alle nostre Api, al nostro Ambiente e al genere umano.
Raffaele Cirone
Presidente FAI- Federazione Apicoltori Italiani



FAI -  Federazione Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186 ROMA (RM)
Telefono: 06.6877175 - Telefax:  06.6852287
Posta elettronica:
Sito internet: http://www.federapi.biz
< Precedente