Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow La sensibilitą delle istituzioni verso il ruolo delle api


La sensibilitą delle istituzioni verso il ruolo delle api Stampa E-mail
Roma, venerdì 02 febbraio 2007
APICOLTORI RINGRAZIANO IL MINISTRO DE CASTRO E IL SOTTOSEGRETARIO BOCO PER L’ATTENZIONE AL COMPARTO

“E’ la sensibilità delle istituzioni verso il ruolo delle api, il primo e più importante traguardo che abbiamo raggiunto con la Legge 313/2004 per la Disciplina dell’apicoltura e ci ripaga dell’impegno profuso, in oltre mezzo secolo, per preservare e valorizzare il patrimonio apistico nazionale”. Lo ha detto Raffaele CIRONE, presidente dell’Organizzazione storica degli Apicoltori Italiani, nel ringraziare il ministro Paolo DE CASTRO - che ha firmato il decreto attuativo della legge quadro per il settore - e il sottosegretario alle Politiche agricole, Stefano BOCO, per le sue recenti dichiarazioni sull’importanza delle api. “L’approvazione del primo documento programmatico per il settore apistico - ha detto Boco - è un segnale positivo per lo sviluppo del comparto, perché darà la regolamentazione attesa da tempo e i contributi alle associazioni di settore. Il comparto apistico è un’importante parte della filiera agricola italiana che va sostenuta e valorizzata al fine di non disperdere un patrimonio di cultura e valori del nostro paese”.  E la FAI - ricorda Cirone - insieme a tutta la sua nutrita base sociale (in Italia operano 75.000 apicoltori con un patrimonio di oltre 1.200.000 alveari), è pronta per avviare tutte le azioni previste dalla Legge che stanzia 2000.000 di euro per il triennio 2004 - 2006 per la programmazione, sperimentazione, incentivazione, valorizzazione e salvaguardia dell’attività apistica e la produzione del miele italiano.
< Precedente