Home Page
 
La Federazione
FAI Territoriali
Contatti
Attivitą
Legislazione
Pubblicazioni
Comunicati
Tecniche
Filmati e vignette
Utenti registrati
Ricerca Avanzata
Link
Domande frequenti
Sondaggi
Transumanza-W.jpg


Home Page


API E COVID-19:SPOSTAMENTO APICOLTORI E COLLABORATORI Stampa E-mail
I più recenti provvedimenti adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in particolare il Decreto dell'11 Marzo 2020, hanno confermato quanto già anticipato dalla FAI-Federazione Apicoltori Italiani: l'Apicoltura rientra tra i servizi garantiti in quanto "attività del settore agricolo e zootecnico" (Allegato 1). Gli Apicoltori che vanno

in Apiario debbono comunque rispettare le limitazioni di spostamento delle persone nell'ambito dell'intero territorio nazionale, in particolare le norme igienico-sanitarie (es.: distanza di rispetto tra operatori in viaggio nello stesso automezzo o all'interno dell'allevamento apistico) e sottoporsi all'autocertificazione per gli spostamenti con apposito modulo predisposto dal Ministero dell'Interno che alleghiamo nella sua più recente versione (Allegato 2). Resta valido il modulo di autocertificazione con intestazione FAI (valido per chiunque e non solo per gli Associati) che ha la finalità di comprovare lo status di "Apicoltore" e le ragioni del suo spostamento verso gli Apiari iscritti in BDA (Anagrafe Apistica Nazionale).
Chiariamo altresì il caso dello spostamento di "Apicoltori" che abbiano bisogno di far ricorso a "Collaboratori". Va a tal proposito specificato che la normativa del lavoro agricolo è fitta e complessa e ci riserviamo di approfondirla in future occasioni e con altra finalità che non quella di far fronte all'emergenza sanitaria in atto. Ci limitiamo intanto a chiarire le due principali fattispecie di lavoro occasionale: il "Collaboratore" che si rende disponibile a coadiuvare l'Apicoltore è in sostanza un parente, un affine o un prestatore d'opera. Abbiamo predisposto in tal senso un apposito modulo di autocertificazione (Allegato 3).
Insistiamo quindi sulla necessità che tutti gli Apicoltori italiani operino nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti, collaborando e agevolando l'operato delle Forze dell'Ordine, premunendosi della necessaria documentazione e, infine, tenendo conto che le dichiarazioni fornite verranno successivamente verificate. La violazione delle prescrizioni attualmente vigenti è punita con l'arresto fino a tre mesi, con l'ammenda fino a 206 Euro e con pene più severe che possono essere comminate a chi adotterà comportamenti che configurino più gravi ipotesi di reato.



FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
Skype: faiskype.it – PEC:


< Precedente   Prossimo >