Home Page
 
La Federazione
FAI Territoriali
Contatti
Attività
Legislazione
Pubblicazioni
Comunicati
Tecniche
Filmati e vignette
Utenti registrati
Ricerca Avanzata
Link
Domande frequenti
Sondaggi
.thumb_calendula-W.jpg


Home Page


Treviso: Scienza e Innovazione al Convegno-Festa di Apicoltura Stampa E-mail
Raffaele Cirone, Claudia Garrido, Davide Artemisio, Stefano Dal Colle: il Presidente nazionale della FAI, una Biologa e Apicoltrice che collabora con il CREA Api di Bologna, un Tecnico Apistico di ApiLiguria, il Presidente APAT Apicoltori in Veneto. Questo il tavolo che ha intrattenuto la platea di 220 Apicoltori riuniti al convegno per la tradizionale

Festa dell’Apicoltore che l’APAT e FAI-Veneto promuovono ogni anno. La dottoressa Garrido ha parlato di varroa con un approccio efficace e diretto: se la conosci la puoi affrontare! Precisione e competenza nel descrivere il calendario degli interventi e i prodotti a disposizione, accorgimenti utili a fronteggiare il cambiamento climatico e, dopo oltre trent’anni di Convegni e di ricerca a vari livelli, il chiarimento che la varroa non si nutre di emolinfa bensì del corpo grasso dell’ape! Il che modifica anche l’approccio alle necessarie azioni di lotta a questo indomabile parassita.
L’Apicoltore Artemisio, responsabile ApiLiguria–Associata FAI, ha presentato la propria esperienza aziendale in contesti simili a gran parte del territorio Veneto  e le sue scelte di conduzione dell’allevamento e di produzione, con una ricca serie di indicazioni utili a chi produce pacchi d’ape, polline e a chi opera in zona infestata da vespa velutina.
Il presidente FAI, Raffaele Cirone, oltre a coordinare i lavori, ha aggiornato la platea sulle novità emergenti a livello europeo e nazionale, ma anche relazionato su quanto tutte le Associate FAI svolgono sul territorio di propria competenza nell’interesse collettivo del comparto apistico.
Il Presidente APAT, Stefano Dal Colle, infine, ha ricordato le recenti iniziative realizzate in collaborazione con le Associazioni Venete ed in particolare informando circa la richiesta di aiuto per gli Apicoltori danneggiati dall’alluvione che ha colpito il territorio a fine ottobre  e che per ora risultano esclusi dai consueti indennizzi per calamità naturali perché, pur avendo una Partita Iva, non sono iscritti alla Camera di Commercio. Un ostacolo burocratico che andrà al più presto superato.
Numerosi e tutti interessanti gli interventi del pubblico; merita in particolare un cenno la proposta di Dino Masetto, dottore Agronomo di Confagricoltura Treviso, che ha invitato la FAI a promuovere a livello nazionale un’azione a favore delle Aziende Agricole che intendono realizzare interventi agroambientali all'interno dei vari PSR 2014-2020 delle Regioni. In particolare con tali finanziamenti si potrebbe incentivare la piantumazione di siepi, fasce tampone e boschetti nei terreni delle aziende agricole beneficiarie con essenze utili alle api. Aggiornamenti, infine, sulla nuova formulazione dell’Api-Bioxal e sul robot che un consorzio di aziende del trevigiano ha messo a punto: è capace di operare il traslarvo necessario alla produzione di pappa reale. Ne sentiremo parlare presto anche a livello internazionale!


FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
Skype: faiskype.it – PEC:

< Precedente   Prossimo >