Home Page
 
La Federazione
FAI Territoriali
Contatti
Attività
Legislazione
Pubblicazioni
Comunicati
Tecniche
Filmati e vignette
Utenti registrati
Ricerca Avanzata
Link
Domande frequenti
Sondaggi
.thumb_Alv-banc-bassi-W.jpg


Home Page


Moria delle Api: sono diminuiti i Danni nell’Inverno 2013-2014 Stampa E-mail
Lo scorso anno sono morte meno api in quasi tutta Europa. E’ quanto emerge dai risultati preliminari dell’indagine internazionale sulle perdite di colonie di api nell’inverno 2013-2014, elaborato dal Gruppo di ricerca “Coloss” per la protezione delle api. I dati sono stati raccolti in 19 Stati europei, cui si sono aggiunti Israele e Algeria, coinvolgendo un totale di 17.135 apicoltori che gestivano 376.754 colonie. L’analisi preliminare

dei dati annunciati in questi giorni (luglio 2014) dimostra che il tasso di mortalità, nell’inverno 2013-2014, è variato nei diversi Stati fra il 6% della Norvegia e il 14% del Portogallo, con marcate differenze fra regione e regione anche all’interno dello stesso Stato. La media della perdita di colonie negli Stati considerati si è attestata però al 9%, il dato più basso da quando nel 2007 è iniziato questo tipo di studio da parte del Gruppo “Coloss”. Questi dati sono in linea con le perdite del 7,85% registrate nello stesso periodo in Inghilterra e in Galles; anche negli USA, tra il 1° ottobre 2013 e il 1° aprile 2014, si sono toccati livelli di morìa più bassi della media. Il protocollo utilizzato dal “Coloss” per raccogliere i dati è stato standardizzato su base internazionale per consentire confronti e analisi congiunte dei dati. Elaborazioni più dettagliate dei fattori di rischio, utilizzando tutti i dati finora raccolti oltre a quelli sulle perdite di colonie provenienti da altri Stati, saranno pubblicate nel corso dell’anno. Secondo il coordinatore del Gruppo “Coloss”, Romée van der Zee (Centro di ricerca apistica olandese), questa riduzione delle perdite invernali di alveari sembra dipendere molto dalle condizioni meteorologiche. Le colonie hanno sviluppato la covata tardivamente a causa della primavera relativamente fredda del 2013 e questo potrebbe aver diminuito il numero di cicli riproduttivi della varroa, generando un numero inferiore di acari. Successivamente, le buone condizioni climatiche del periodo estivo avrebbero offerto alle api eccellenti condizioni produttive. Al Gruppo “Coloss” - inizialmente finanziato dall’Unione Europea e sostenuto oggi dalla Società svizzera Ricola, quella delle caramelle a base di erbe - aderiscono 300 membri provenienti da 63 diversi Paesi del mondo.


FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >