Home Page arrow La Federazione arrow Editoriale arrow Volta Pagina: Difendere le Api, fattore produttivo Agricolo


Volta Pagina: Difendere le Api, fattore produttivo Agricolo Stampa E-mail
Sospesi da cinque anni in Italia e di recente vietati in tutti i Paesi dell’Unione Europea: è la sorte toccata ai concianti del mais. Il dossier, ora, è passato dal tavolo dei Governi nazionali su quello dell’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare.  Qui è stato chiarito che esistono rischi inaccettabili per le api e che quindi vanno valutate nuove procedure di autorizzazione per gli insetticidi.

Le industrie della chimica, intanto, lamentano che i test sulla mortalità delle api sono costosi e inapplicabili anzi, chiedono di accettare il principio che fino al 7% di api avvelenate da un pesticida sia tutto normale...
FAI e UNAAPI siglano un documento unitario rigettando tali posizioni. Si tratta ora di far capire, alle Istituzioni nazionali e comunitarie, che il problema non è ridurre costi e responsabilità delle multinazionali, ma difendere le api come fattore produttivo in agricoltura.
E’ un valore che nessuno riconosce: dobbiamo preservarlo noi, prima che sia troppo tardi.

Raffaele Cirone
Presidente FAI-Federazione Apicoltori Italiani

Foto: © Antonio Torrecilla


FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
Skype: faiskype.it – PEC:
< Precedente   Prossimo >