Home Page arrow La Federazione arrow Editoriale arrow Volta Pagina : Tanti Apicoltori impegnati per il Bene comune


Volta Pagina : Tanti Apicoltori impegnati per il Bene comune Stampa E-mail
Ogni volta che leggiamo un FAI Apicoltura non possiamo che sentire un brusio. Come quando visitiamo un alveare: apri e in un colpo d’occhio è la sequenza dei favi e delle operaie che ci lavorano dentro che ti dà la misura di come stanno le cose. La bontà di una famiglia, di api o di uomini che sia, si legge così: non è incline all’aggressione e porta buoni frutti, il lavoro è un’incombenza condivisa al pari dell’esperienza che reca a tutti giovamento.

Ora, che si tratti di Veneto o  d’Italia, sono tanti gli esempi di cosa vuol dire fare il bene comune dell’ape e di chiunque la alleva con passione e competenza. Una ricchezza che fa invidia!
Ecco perché qualche voce isolata proclama di essere l’unica speranza dell’apicoltura, dicendosi dalla parte più giusta e denigrando l’altrui operare. Ed è sempre per questo che, dinanzi ai comizianti, non bisogna affogare nella pigrizia mentale: altrimenti si rischia di confondere l’autoreferenzialità di pochi con l’autorevolezza dei molti.

Raffaele Cirone
Presidente FAI – Federazione Apicoltori Italiani



FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
Skype: faiskype.it – PEC:
< Precedente   Prossimo >