Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Varroasi : la Denuncia Obbligatoria potrebbe presto Decadere


Varroasi : la Denuncia Obbligatoria potrebbe presto Decadere Stampa E-mail
Ci sono buone speranze che nel 2013 venga a decadere un’altra assurda incongruenza del nostro ordinamento giuridico: l’obbligo di denuncia obbligatoria della Varroasi , ai sensi del Regolamento di Polizia Veterinaria. Recentemente, nell’ottica di una revisione delle norme relative al controllo delle malattie delle api, il Ministero della Salute ha posto al CRN (Centro di Referenza Nazionale) per l’Apicoltura (operativo presso

l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie) un quesito in merito all’opportunità di abrogare le Ordinanze Ministeriali sulle “ Norme per la profilassi della varroasi ”. Il CRN per l’Apicoltura ha predisposto una nota i cui contenuti lasciano ben sperare su una svolta imminente in materia di revisione nell’elenco delle malattie soggette a denuncia obbligatoria nel Regolamento di Polizia Veterinaria. “Varroa destructor, precisano infatti i responsabili del Centro di Referenza del Ministero della Salute, è presente negli alveari di tutto il mondo e considerato il carattere endemico di questo parassita delle api è attualmente impossibile una sua eradicazione”. Sempre il CRN per l’Apicoltura, inoltre, ha evidenziato al Ministero della Salute “che le misure restrittive previste dalle Ordinanze si sono rilevate nel tempo non idonee al controllo dell’infestazione e che anche negli altri Stati europei gli apicoltori incontrano difficoltà nel controllo di questo parassita”. “Considerato che la varroasi non è malattia soggetta a denuncia nell’Unione Europea – ha concluso il CRN per l’Apicoltura nella nota trasmessa al Ministero della Salute - si esprime parere favorevole alla abrogazione delle Ordinanze ministeriali escludendo la Varroasi dall’elenco delle malattie soggette a denuncia di cui all’articolo 1 del Regolamento di Polizia Veterinaria”. La notizia è stata resa nota nel corso dell’ultimo Consiglio Direttivo nazionale della FAI-Federazione Apicoltori Italiani (svoltosi a Roma il 14 dicembre 2012), che già da qualche anno aveva posto la questione all’attenzione del Ministero della Salute, denunciando l’endemicità della varroa negli allevamenti apistici di tutta la compagine sociale e, pertanto, in tutti gli apiari italiani.

® RIPRODUZIONE RISERVATA
© Foto: Gilles San Martin – Varroa destructor su capo di un’ape


FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
Skype: faiskype.it – PEC:
< Precedente   Prossimo >