Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Analisi : come chiedere la Revisione dei Risultati contestati


Analisi : come chiedere la Revisione dei Risultati contestati Stampa E-mail
Un organo di controllo ufficiale ti ha prelevato campioni di miele o altri prodotti dell’alveare e ti ha comminato una sanzione perché alcuni parametri non sono in regola? Non tutto è perduto: la vigente normativa, infatti, prevede che l’interessato possa richiedere un’analisi di revisione per verificare, in “seconda istanza”, se i risultati del primo referto di analisi sono veritieri. L’argomento torna di attualità in questi giorni perché il Ministero dell’Economia, di concerto con il Ministero

delle Politiche Agricole, ha approvato il decreto 16 dicembre 2011, che fissa l’importo da pagare alla Tesoreria Provinciale dello Stato per attivare la procedura di revisione: 115,75 Euro per ciascun campione da analizzare, da versare a titolo di deposito cauzionale e che potranno essere recuperati se la revisione non conferma le analisi di “prima istanza”. Il decreto, oltre alla firma del Ragioniere Generale dello Stato, Mario Canzio, porta la firma dell’Ispettore Generale Capo del Dipartimento della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agroalimentari, Giuseppe Serino (nella foto). La normativa vigente stabilisce che se per l’accertamento della violazione sono compiute analisi di campioni, il dirigente del laboratorio deve comunicare, con lettera raccomandata, l’esito dell’analisi all’interessato che, a questo punto, ha 15 giorni di tempo per chiedere la revisione dell’analisi in presenza di un proprio consulente tecnico. Il laboratorio che opera in “seconda istanza” è tenuto ad avvertire l’interessato 10 giorni prima che venga effettuata l’analisi di revisione. Le strutture autorizzate ad effettuare le analisi di revisione sono quelle dell’Istituto Superiore di Sanità (per i controlli ufficiali effettuati dai Nas, dai Posti di Ispezione Frontaliera, dalle Asl, dagli Istituti Zooprofilattici, ecc.), e dell’Istituto Centrale Qualità e Repressione Frodi (per i controlli ufficiali effettuati dai Laboratori periferici dell’Icqrf).

© RIPRODUZIONE RISERVATA




FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >