Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow De André : ci sono le Api nel Sogno numero 1 del Cantautore


De André : ci sono le Api nel Sogno numero 1 del Cantautore Stampa E-mail
C’è anche un chiaro richiamo alle api, in una delle ultime canzoni scritte dal grande Fabrizio De André. “Mastica e sputa, da una parte il miele, dall’altra la cera”, così recita il ritornello della canzone “Ho visto Nina volare”, che è tra quelle incluse nell’album “Sogno numero 1” uscito pochi giorni fa, in una formula assolutamente imprevedibile: la voce del cantautore genovese, scomparso a gennaio del 1999, torna a rivivere grazie all’omaggio della

gloriosa London Symphony Orchestra, diretta dal produttore inglese Geoff Westley. “Sogno numero 1” è una preziosa raccolta di canzoni di De André ed è stato registrato negli studi di Abbey Road (gli stessi dove registrarono i Beatles), che tramuta le melodie in veri e propri affreschi sinfonici cui si associano due speciali duetti con Franco Battiato e Vinicio Capossela. “Ho visto Nina volare”, che vede Ivano Fossati come coautore, è una canzone originariamente presente nell’album “Anime Salve”, il tredicesimo e ultimo di Fabrizio De André. Stando agli appassionati cultori dell’artista, questa canzone sarebbe ispirata da un’amicizia giovanile con l’adolescente Nina, durante gli anni della seconda guerra mondiale e quelli immediatamente successivi, in cui De André visse e trascorse le vacanze estive a Revignano, frazione di Asti. Ivano Fossati riferirà in anni recenti, in occasione di un'intervista, che “masticare e sputare da una parte il miele e dall’altra la cera” era una pratica che De André aveva osservato, con grande stupore, presso una comunità di anziane donne contadine del materano, in Lucania. Un motivo in più, per noi apicoltori, per scegliere “Sogno numero 1” come originale omaggio natalizio!

Ascolta il brano





FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz


< Precedente   Prossimo >