Home Page arrow Comunicati arrow Apicoltori arrow Apimondia Italia: in Distribuzione il Nuovo numero


Apimondia Italia: in Distribuzione il Nuovo numero Stampa E-mail
Questo è il momento in cui si preparano gli alveari al primo raccolto primaverile: per farlo nel migliore dei modi vi presentiamo una tecnica, con una ricca serie di consigli pratici che non troverete nei manuali di apicoltura. E con la chiarezza di chi, facendo apparire semplice il percorso di esperienze raccolte lungo una vita da professionista dell’allevamento, è in grado di guidarci verso un buon raccolto di miele. Apimell 2011 ha dato buoni frutti: il convegno della FAI sulla Salute delle Api

è stato un vero e proprio trampolino di lancio per la riforma sanitaria dell’apicoltura italiana. Un primo resoconto, sulle importanti novità emerse nel corso della rassegna piacentina, era dovuto. Un articolo tutto dedicato all’intervento di Gaetana Ferri, Direttore Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario, del Ministero della Salute, spiega come verrà cambiato il Regolamento di Polizia Veterinaria. La Sanità Pubblica Veterinaria, insomma, si apre ad una collaborazione con gli allevatori di api: alle Associazioni il compito di promuovere i tavoli tecnici attorno ai quali riunire i Veterinari e gli Apicoltori. Sulla morìa delle api la ricerca internazionale continua ad indagare: viene chiesta la collaborazione di noi tutti per raccogliere dati su questo complesso fenomeno e un articolato questionario, diffuso dai responsabili italiani del progetto “Coloss”, offre una preziosa occasione per far sentire la nostra voce e raccontare le nostre esperienze. Intanto, emergono nuovi e confortanti dati sull’utilità della dieta proteica: è dimostrato che grazie ad alcune sostanze naturali, impiegate come integratori alimentari, le famiglie mostrano chiari segni di resistenza ad alcune malattie delle api. L’anagrafe apistica nazionale sta per entrare in funzione, intanto le Regioni debbono prepararsi a far confluire i propri dati nel grande sistema nazionale che, sotto il controllo del Ministero della Salute, dovrà rendere tracciabili e rintracciabili tutti gli alveari presenti sul territorio nazionale. Vi raccontiamo l’esperienza di alcune ASL della Regione Lombardia: qui gli Apicoltori e i Veterinari pubblici collaborano per tenere sotto controllo sia gli alveari sani, sia quelli colpiti da malattie. Un modello di riferimento per quanti non hanno ancora chiare le modalità di attuazione delle nuove norme sulla sanità apistica. Il nomadismo dei geni è l’insolita corrispondenza che riceviamo da Israele: l’Apis florea, un tempo estranea a questa terra, si sta diffondendo ovunque; la razza autoctona sta perdendo terreno e le api straniere sono ormai un fastidioso problema anche nelle aree urbane. Al danno ambientale, si annuncia altrettanto grave quello genetico. E’ ciò che accade a chi gioca con le api, senza conoscerne le regole. Pronti a viaggiare anche noi Apicoltori, però, visto che a settembre si terrà il nostro 42° congresso mondiale. Abbiamo predisposto un viaggio di studio, che sarà anche l’occasione per conoscere l’Argentina. La nostra copertina, infine: dedicata ad una regina unica, di pura razza Ligustica, marcata in modo originale. E’ questo il nostro tributo alle commemorazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Perché anche l’apicoltura è per tutti noi una vera Patria. E’ con questi ingredienti che va in distribuzione in questi giorni l’ultimo numero di Apimondia Italia, il Mensile di ApiCultura della FAI – Federazione Apicoltori Italiani. Se non siete ancora abbonati non perdete tempo: basta un messaggio di posta elettronica per attivare l’invio, a titolo completamente gratuito, dei primi numeri di prova.




FAI -  Federazione  Apicoltori Italiani
Corso Vittorio Emanuele II, 101
IT -  00186  ROMA (RM)
Telefono: +39 06 6877175 - Telefax:   +39 06 6852287
e-mail: – Portale internet: www.federapi.biz
< Precedente   Prossimo >